Rifugi di alta montagna

Da diversi anni l'Espace Mont-Blanc si impegna nell'attuazione di azioni a favore di una gestione sostenibile dei luoghi di alta montagna, particolarmente esposti all’impatto della sovrafrequentazione e del cambiamento climatico.

Ecoinnovazione in quota

Il progetto europeo "Eco innovation en altitude", finanziato dal programma di cooperazione transfrontaliera Alcotra, ha rappresentato un'importante opportunità per instaurare uno scambio tra i gestori dei rifugi dei tre territori e i professionisti della montagna al fine di trovare delle soluzioni adeguate ed efficaci.

Il progetto "Eco innovation en altitude" ha previsto quattro attività principali:

  • Una campagna di sensibilizzazione
    Declinata in diverse iniziative locali, la campagna di sensibilizzazione sulla complessità ambientale del sistema Rifugi di montagna ha lanciato, a titolo sperimentale, i laboratori di ecosostenibilità in quota. Sei rifugi valdostani e quattro stazioni sciistiche invernali hanno accolto la tenda dell'educazione all'ambiente, un percorso-gioco per riflettere sugli impatti ecologici delle scelte individuali. Oltre 2000 partecipanti, tra escursionisti, sciatori, turisti e residenti, hanno apprezzato l'iniziativa e hanno manifestato il loro interesse per queste tematiche ancora poco conosciute.
  • 11 audit ambientali in zone isolate
    L'audit ambientale, come strumento per la valutazione e il miglioramento dell'impatto generato dai rifugi in una zona fragile come quella dell'ambiente alpino, è stato applicato e testato su undici rifugi dei tre territori.
    I risultati sono consultabili nelle schede operative in allegato.
  • 4 seminari rivolti ai gestori di rifugi
    “Energia in zone isolate”, “Ecogestione dei rifiuti”, “Telemedicina”, “Acque e depurazione”: questi i temi che sono stati oggetto di quattro seminari transfrontalieri tra gestori di rifugi operanti nei tre territori. Otto giornate in totale per confrontarsi e condividere le esperienze in presenza di professionisti qualificati al fine di perseguire una gestione sostenibile delle strutture ricettive in alta quota.
  • 4 interventi sperimentali
    Essendo l'innovazione al centro delle sfide del progetto, sono stati attuati degli interventi innovativi, a titolo sperimentale, in zone isolate.
    Due sistemi sperimentali per il trattamento delle acque reflue sono stati installati alla Casermetta del Col de la Seigne e al Rifugio Guide del Cervino in Valle d'Aosta.
    La "Passerelle des Conscrits" è stata realizzata nel comune di Contamines poiché i cambiamenti climatici hanno reso impraticabile l'accesso al rifugio dal ghiacciaio.
    Un sistema di approvvigionamento delle acque potabili e delle opere di bonifica sono stati realizzati al Rifugio Albert 1er, situato nel comune di Chamonix, nel cuore del massiccio del Monte Bianco.

Per ulteriori dettagli tecnici relativi agli interventi, consultate le schede operative qui in allegato.

Schede tecnico-operative sfogliabili sul portale ISSU

Pays du Mont-Blanc
Vallée de Chamonix
Région Autonome Vallée d'Aoste
Canton du Valais
Savoie & Haute Savoie
République Française
Union Européenne
Alcotra
Repubblica Italiana
Confédération Suisse